Stampa

cordero di montezemoloIl 18 settembre 2015, dopo un anno come a.d. della “nuova” Alitalia, Silvano Cassano lasciava (“per motivi personali” riferiva Cordero di Montezemolo in una lettera ai dipendenti). A novembre il presidente Montezemolo assumeva la gestione ordinaria (ovvero le deleghe di a.d.) con responsabilità degli uffici, del personale e del patrimonio, nonché il potere di investimenti e disinvestimenti fino all’ammontare di 15 milioni di euro, in attesa della nomina del nuovo a.d. (prevista a gennaio 2016). A dicembre toccava ad Ariodante Valeri, in carica come chief commercial officer, delegato per vendite e marketing, per meno di un anno. Cassano e Valeri erano gli uomini del rilancio, il braccio operativo di James Hogan, CEO dell’azionista di maggioranza Etihad. Non ce l’hanno fatta neanche loro, a rimettere in piedi i conti.