CHI VA E CHI VIENE

bann nicolaus feb22 160x124

L'AEROPORTO DEL MESE

LA COMPAGNIA DEL MESE

rgentile-bn-q.jpgMichael O’Leary è antipatico a gran parte degli agenti di viaggi. Supponente, arrogante, dà l’impressione di saperla sempre più lunga di tutti. Però è geniale, e ha fatto di Ryanair la compagnia aerea a più alto tasso di sviluppo e con i margini più alti di tutte. In un comparto squassato prima dall’11 settembre, poi dalla crisi economica, i 300 aerei (300!) della compagnia irlandese viaggiano sempre pieni e vanno (vedi il caso Verona) dove li porta il denaro. Agli agenti e/o ai loro clienti dà fastidio pesare il trolley a casa, prima di chiuderlo, per non doverlo imbarcare?! Non sopportano le lunghe code al gate, per salire a bordo e piazzare la valigia nell’ambita cappelliera?! Guardano con sufficienza il personale di bordo che, anziché servire pasti gratuiti, vende gratta & vinci, sigarette senza fumo, biglietti dei pullman?! Certo, belli i tempi quando le hostess Alitalia erano vestite dalle Sorelle Fontana e sembravano tutte modelle... Quando t’imbarcavi a digiuno, su un Roma - Londra, tanto ti saresti rimpinzato con il pasto servito in piatti di ceramica e con posate in metallo... Quando a Parigi svaligiavi le Galeries Lafayette, compravi pure una valigia a quattro ante e la imbarcavi con nonchalance assieme alle tue... Tempi finiti, visto che Pan Am, TWA, Sabena, Swiss Air e qualche altra decina di compagnie sono sparite, sotterrate dai debiti. Visto che Alitalia l’abbiamo finanziata noi cittadini per decenni, e anche la nuova proprietà fa fatica a starci dentro. Veramente qualcuno (dipendenti e fornitori a parte) ha necessità che Wind Jet, sotterrata anch’essa dai debiti, sfogli la margherita del “volo, non volo?” di MyAir memoria?! Lunga vita a Ryanair e a quell’antipatico di O’Leary che, beato lui, ha insegnato a tutti come si riempiono i voli. E va dove lo porta il denaro. (tratto dal blog Whatsup pubblicato da TTG Magazine. (clicca qui)